Ciao, Sergio, Maestro della gentilezza


Una notizia arrivata così, a bruciapelo. Sergio Altieri, conosciuto dai più come il maestro dell'Apocalisse Alan D. Altieri, non c'è più. E io lo voglio ricordare però come il Maestro della Gentilezza, perché quando si parlava di Sergio era il suo lato umano a emergere. Uno scrittore dalla penna dura, eroi tosti, storie all'ultimo sangue. E lui invece sempre col sorriso, con una parola buona per tutti, un incoraggiamento. Non credo di averlo mai sentito dire no. Non era nelle sue corde. Oggi "no" l'ho esclamato io non appena ho letto la notizia. Ero di corsa e di corsa sono ripartito, per lavoro, ma mi sono portato il peso di quello che è accaduto dietro tutto il giorno. E ora che mi fermo ecco che decido di ricordarlo, brevemente. Ho mosso i primi passi nell'editoria che conta anche grazie a lui, alla fiducia che mi ha dato, alle occasioni. E l'ho ringraziato di cuore anche una settimana fa, quando ci siamo scambiati l'ultima email. "My man", ha scritto, nel suo modo speciale di parlare, e poi... be', poco importa di quella mail. Oggi Sergio non c'è più. In libreria da poco i suoi ultimi lavori, già orfani. Lo ricordo con questa foto, tanti anni fa a Roma, per l'80° anniversario de Il Giallo Mondadori. Con me e Sergio, sul palco, un altro amico che oggi non c'è più: Massimo Mongai. Mi sembrava una bella foto per ricordarlo per quello che era: un uomo e uno scrittore. Ciao, Sergio.

#AlanDAltieri #MassimoMongai

Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag